FDN - (di Lucilla De Martinis) - Coordinatore Pedagogico di facebook.com/animazionipedagogiche/
cell. 339 251 84 42)

- In questi tempi di emergenza i bambini costituiscono, una categoria psicologicamente a rischio. Infatti, adattabili e resilienti per loro natura, in qualche modo se la cavano e la loro situazione è molto meno evidente di quella degli adolescenti che in questo periodo, in mancanza di un gruppo identificativo, trascorrono parecchio tempo sul web.

Tuttavia i bambini, rispetto ai ragazzi, dispongono di una capacità molto inferiore di elaborare cognitivamente le informazioni che arrivano dall’esterno e sono molto più empatici e ricettivi alle paure dell’adulto che li accudisce.

È per tanto possibile che un piccolino di quattro o cinque anni si trovi a sentirsi ansioso e a sviluppare un disturbo del sonno perché troppo esposto all’ansia degli adulti.

In questi tempi difficili, oltre al consiglio di limitare l’uso degli schermi per bambini sotto i dieci anni, e di limitare e filtrare il più possibile l’esposizione alle notizie, vorrei, semmai servisse, raccomandare di non pressarli in alcun modo con i compiti, poiché le loro energie sono già impegnate sul fronte emotivo ad affrontare una situazione di simil guerra.

Oltre al consiglio di spiegare con sincerità e chiarezza anche ai più piccoli ciò che sta succedendo vorrei proporre qualche modalità di gioco che lasci spazio all’immaginazione per aiutare il bambino nell’elaborazione degli eventi stressogeni:

1)      Prendete una scatola con il coperchio trasparente o createlo. Mettete dentro la scatola una torcia e ponete sul coperchio della scatola della farina di mais oppure della farina 00 o del riso. Il bambino potrà creare con la farina delle fantastiche forme e giocare a trasformarle.

2)      Create o prendete una scatola bassa, se possibile dipingetene il fondo di azzurro e dentro, in mancanza della sabbia, mettete della farina di mais. Mettete poi a disposizione del materiale poco strutturato (sassi, qualche omino, qualche conchiglia) ed il bambino potrà giocare a creare dei piccoli mondi dove portare il proprio mondo interno.

3)      Sempre con una scatola di cartone, create un piccolo teatrino e fate dei personaggi con il cartone, con le ombre o come volete. Tra di essi inserite anche il temutissimo covid-19: ciò affinché il bambino, attraverso il gioco possa avere parecchie possibilità di elaborazione durante questo periodo inevitabilmente incerto e instabile.

e-max.it: your social media marketing partner

Cronaca

Testimonianza di un ricovero per covid. Sparisce nel nulla!

Testimonianza di un ricovero per covid. Sparisce nel nulla!

Testimonianza in diretta di un collaboratore di FDN-Roma che tenta più volte di contattare l'ospedale Sant'Eugenio di Roma per ricevere informazioni circa un paziente ricoverato. Il centralino è ingolfato e cade ripetutamente la linea. {youtube}MdwdUY0AUVE|600|450|1{/youtube}

19-01-2021

Leggi tutto
FABIO B., NOSTRO COLLABORATORE A RAI 1

FABIO B., NOSTRO COLLABORATORE A RAI 1

  (FDN Redazione) - Bella sorpresa per i nostri lettori. Ieri, 29/12/2020, un nostro collaboratore di redazione, Fabio, ha partecipato alla trasmissione di RAI 1 " I soliti ignoti" condotta da Amadeus. In foto con il numero 2. ...

30-12-2020

Leggi tutto
SE N'E' ANDATO STEFANO D'ORAZIO, IL PRESTIGIOSO BATTERISTA DEI POOH

SE N'E' ANDATO STEFANO D'ORAZIO, IL PRESTIGIOSO BATTERISTA DEI POOH

Stefano D'Orazio, lo straordinario batterista dei Pooh, non c'è più. (FDN - di Zeno Balegeri) - ROMA - Stefano D'Orazio, prestigioso batterista dei Pooh ci ha lasciato. La notizia, data su Twitter dall'amico Bobo Craxi, è stata confermata dagli altri componenti del complesso musicale in un post sui social. "STEFANO CI HA LASCIATO! Era ricoverato da circa una settimana e per rispetto non ne ave...

07-11-2020

Leggi tutto
SALERNO, SEQUESTRATI 157 QUINTALI DI POMODORI SECCHI
 DELLA TUNISIA

SALERNO, SEQUESTRATI 157 QUINTALI DI POMODORI SECCHI
 DELLA TUNISIA

(FDN - di Zeno Balegeri) - VOLEVANO FARLI PASSARE PER ITALIANI, MA ERA UN PRODOTTO CHE PROVENIVA DALLA TUNISIA. Sequestro da parte dei funzionari dell'ADM (Agenzia Dogane e Monopoli) di Salerno, di 2.540 cartoni contenenti pomodori secchi di origine e provenienza Tunisia, per un totale di 15.700 chili. L'immagine della bandiera italiana era riportata sulle confezioni trovate all'interno del po...

29-10-2020

Leggi tutto