FDN - Roma - UNA LAVORATRICE CI INVIA QUESTA LETTERA (firmata) che pubblichiamo integralmente.

Sono A. N., un care Giver familiare, ossia una badante specializzata. Lavoro da diverse settimane con una mia assistita nei pressi di via Laurentina.

Normalmente il marito mi corrisponde il dovuto per il mio lavoro a fine settimana attraverso regolare bonifico, ma in questa situazione di emergenza e non potendo uscire di casa, mi ha pagato con un assegno di importo esiguo, ossia al disotto dei cinquecento euro.

Mi reco in banca, La Banca ........ su via Laurentina, bardata di mascherina e guanti, si entra uno alla volta e arrivata allo sportello il cassiere si oppone al pagamento dello stesso.

Prima sostiene che trovandosi solo non ha il tempo necessario al mio censimento, ossia inserire i dati anagrafici al fine di pagarmi l'assegno. Poi dice che non può maneggiare il contante.

Poi in un rimpallo di domande e affermazioni veloci e confuse perdo la concentrazione e non so più cosa rispondere. So solo di aver detto al cassiere che quello è il mio stipendio e ne ho necessità per fare spesa, che senza soldi per me sarà un problema. Rifiuto categorico per tutti motivi di cui non vi trovo nessuna traccia nelle disposizioni prese dal governo per il contenimento del virus. Di fatto i benzinai il contante lo trattano ancora, magari maneggiato con dei guanti e che fosse solo allo sportello e non avesse tempo per fare un lavoro di censimento, mi chiedo, io non sono nessuno? Non sono un cliente a cui si deve prestare attenzione?

Scrivo a voi perché ho come l'impressione che con questa emergenza sanitaria in atto, qualcuno, come le banche appunto, facciano i propri comodi come sempre hanno fatto, stravolgendo a loro favore anche una istituzione come il titolo al portatore, obbligandomi a versare sul mio conto e pagando loro cinque giorni di valuta. Moltiplicatelo per ogni utente, moltiplicatelo per i miliardi che dovranno transitare per le loro casse e aggiungete i contributi che metteranno loro a disposizione per lasciare a casa tutti gli altri cassieri senza contare quelli che resteranno operativi i quali saranno autorizzati a rispondere: "Sono solo e questa cosa per lei non la posso fare". Avrei voluto vedere se il contante lo avessi avuto io per pagare una rata qualsiasi, se le sarebbe sporcate le mani? penso proprio di si, magari addebitandomi due euro per la loro sanificazione...

REDAZIONE: La legge n. 1736 del 1933, obbliga la banca a pagare l'importo in quanto titolo al portatore, pagabile a vista.

e-max.it: your social media marketing partner

Cronaca

Testimonianza di un ricovero per covid. Sparisce nel nulla!

Testimonianza di un ricovero per covid. Sparisce nel nulla!

Testimonianza in diretta di un collaboratore di FDN-Roma che tenta più volte di contattare l'ospedale Sant'Eugenio di Roma per ricevere informazioni circa un paziente ricoverato. Il centralino è ingolfato e cade ripetutamente la linea. {youtube}MdwdUY0AUVE|600|450|1{/youtube}

19-01-2021

Leggi tutto
FABIO B., NOSTRO COLLABORATORE A RAI 1

FABIO B., NOSTRO COLLABORATORE A RAI 1

  (FDN Redazione) - Bella sorpresa per i nostri lettori. Ieri, 29/12/2020, un nostro collaboratore di redazione, Fabio, ha partecipato alla trasmissione di RAI 1 " I soliti ignoti" condotta da Amadeus. In foto con il numero 2. ...

30-12-2020

Leggi tutto
SE N'E' ANDATO STEFANO D'ORAZIO, IL PRESTIGIOSO BATTERISTA DEI POOH

SE N'E' ANDATO STEFANO D'ORAZIO, IL PRESTIGIOSO BATTERISTA DEI POOH

Stefano D'Orazio, lo straordinario batterista dei Pooh, non c'è più. (FDN - di Zeno Balegeri) - ROMA - Stefano D'Orazio, prestigioso batterista dei Pooh ci ha lasciato. La notizia, data su Twitter dall'amico Bobo Craxi, è stata confermata dagli altri componenti del complesso musicale in un post sui social. "STEFANO CI HA LASCIATO! Era ricoverato da circa una settimana e per rispetto non ne ave...

07-11-2020

Leggi tutto
SALERNO, SEQUESTRATI 157 QUINTALI DI POMODORI SECCHI
 DELLA TUNISIA

SALERNO, SEQUESTRATI 157 QUINTALI DI POMODORI SECCHI
 DELLA TUNISIA

(FDN - di Zeno Balegeri) - VOLEVANO FARLI PASSARE PER ITALIANI, MA ERA UN PRODOTTO CHE PROVENIVA DALLA TUNISIA. Sequestro da parte dei funzionari dell'ADM (Agenzia Dogane e Monopoli) di Salerno, di 2.540 cartoni contenenti pomodori secchi di origine e provenienza Tunisia, per un totale di 15.700 chili. L'immagine della bandiera italiana era riportata sulle confezioni trovate all'interno del po...

29-10-2020

Leggi tutto